ELENA RENZI

Tutto è cominciato con il sogno di organizzare un ricevimento da favola per il mio matrimonio. Era il 1995 e non c’era una vasta offerta di ville e ristoranti, come al contrario avviene oggi. Tra difficoltà e imprevisti, ma anche tanta passione e voglia di creare qualcosa di unico, quello che era iniziato come un sogno fine a sé stesso, è diventato per me una meravigliosa opportunità lavorativa. Nel mio grande giorno, la villa sul lago, i fiori, la cena di ricevimento, tutto è stato perfetto, tranne…la torta nuziale! Il catering aveva sbagliato i colori, una cosa inaccettabile per una perfezionista come me. Ed è stata proprio la mia delusione, che mi ha convinta ad entrare nel mondo dell’organizzazione di matrimoni. Nel 2000 ho ufficialmente intrapreso la professione di wedding planner, una figura che ai tempi era vista come un lusso, in quanto si trattava di una professione ancora relegata al mondo degli eventi all’estero, e io lavoravo principalmente con clienti italiani. Poi, arrivò un dirigente di una multinazionale americana che mi cambiò definitivamente la vita: era fine Luglio del 2004; mi disse che avrebbe voluto sposarsi in una villa, ai primi di Settembre, ma purtroppo era tutto già prenotato e, con Agosto alle porte, risultava praticamente impossibile riuscire a organizzare il matrimonio perfetto in un mese e diciotto giorni.

Ma non mi arresi, sentivo che sarebbe stato il mio grande salto di qualità… Tramite un’amica, ottenni il permesso di utilizzare una delle più belle ville presenti sul Lago di Como, Villa Sòla Cabiati, che ai tempi non era ancora adibita a ricevimenti nuziali. Fu un mese turbolento, feci i salti mortali per sopraffare le difficoltà logistiche che spesso si presentavano, avendo a che fare con un meraviglioso territorio immerso nella natura, ma ogni mio sforzo fu ripagato: alla fine, il matrimonio fu un immenso successo e mi aprì le porte al pubblico straniero, con il quale oggi ho maggiormente a che fare. Il più caro ricordo di quel giorno, che tuttora custodisco con gelosia, riguarda la fine della cerimonia, quando lo sposo si avvicinò a me, mi prese la mano e appoggiandola sul proprio cuore mi disse: “Tu sarai per sempre mia amica”. È lì che ho capito chiaramente che il wedding planning sarebbe stato il mio futuro. Da allora, mi sono dedicata a realizzare ogni desiderio delle mie spose, perché possano godersi il giorno più felice della loro vita circondate dai loro cari e senza alcuna preoccupazione. Una passione, diventata poi la mia professione, che cresce sempre e che dedico anche ai miei allievi in qualità di insegnante certificata per Awp, l’Associazione Italiana Wedding Planner.
Planner

TEAM IN AZIONE

2022 © - P.IVA 03035100969 - Design by webvox.it